Patience, prudence & care (Brunt, «Blackbeard»)

bruntblackbeardIt took a while for having new music from – as someone put it – «everyone’s favorite Guernsey hailing instrumental stoner metal favorite Brunt». More than a couple of years, actually, which nowadays may seem a lot of time, but now it’s all right: a new ep, Blackbeard, is here, with three lovingly crafted tracks that – as we all put it – keep growing with every listening.

The raw material, taken from the stoner-psych department, is quite simple – riffs, sound, songs’ structure, dynamics, avionics –, so, what I find really compelling is the final result: a brilliant example of – as you may put it – the sum of it being something more than the single parts put together. I like many things: the gestures I can imagine behind the music, the power of the riffs at full throttle (Blackbeard), the pauses, the grooves and the solos (Son of Smoke), the not too hidden taste for drone (Cetus), the heaviness capability (Cetus again), the togetherness of the usual trinity, I like how one idea – one riff – leads to another: with patience, prudence and care.

Brunt, Blackbeard, self-released 2016.

 

Continue Reading

Fuzz, Gimme da (Brunt, Hawkeyes, Bar de Monjas; Promenade métallique #28)

Brunt  PoisonSlowsYouDown  InFuzzWeTrust

1. Una prima porzione in forma non troppo aggressiva, da aperitivo, la prendo dai Brunt, trio strumentale stoner che spedisce da Guernsey (già, proprio dalle Channel Islands) un omonimo primo album molto riuscito e impregnato di fuzz come una spugna sul punto di gocciolare. Ottimo suono, bei riff, dinamica gagliarda, gran tenuta anche sulle lunghe distanze e gusto bizzarro per i titoli: Rabbit of Cannabong.

2. La sostanziosissima portata principale la servono i canadesi Hawkeyes, sestetto di sludge/doom strumentale, anch’esso al primo album con Poison Slows You Down. Sestetto, perché le chitarre sono quattro e si sentono tutte nella immane valanga di distorsione e ordinata violenza sonora che si abbatte sul fortunato ascoltatore a partire dal primo minuto di The Howling Damned.

3. Il colpo da K.O. tecnico arriva dal «Bar delle Monache», duo messicano chitarra & batteria testé giunto all’album di esordio, abbastanza esplicito negli intenti: In Fuzz We Trust. Nel fuzz si può confidare se, come me, si è soltanto ascoltatori; se si è anche suonatori, bisogna anzitutto saperlo maneggiare, cosa che i Bar de Monjas sanno fare molto bene, con istinto notevole, da Under (con il suo delizioso clangore metallico iniziale), per tutto il disco, fino a Término Medio.

Brunt, Brunt, self-rel. 2014; Hawkeyes, Poison Slows You Down, MeatTooth Recordings & Snacks 2014; Bar de Monjas, In Fuzz We Trust, self-rel. 2014.

 

Continue Reading