L’Eco della Val Metallo (n° 1)

(Non ho certo intenzione di aggiungere le «news» a questi appunti. Tuttavia la settimana di un metallaro comune non è fatta soltanto di ascolti. L’«Eco della Val Metallo» è dunque per le cose metalliche interessanti.)

1. Il 23 marzo, a Roma, i Nero di Marte e i Void of Sleep hanno subito un furto: tutta la loro strumentazione, in un colpo solo (la lista si può vedere qui). Una mazzata: «It took us years to buy our gear, and to start from absolutely nothing, without any help, means paralyzing anything we could do for a long time or seriously put ourselves into debt beyond what we can afford.» Hanno quindi lanciato una campagna Indiegogo, alla quale ho contribuito senza esitazione.

2. Questa settimana gli Ufomammut erano in tour nell’Europa dell’est: Grecia, Bulgaria, Romania, Slovenia. A giudicare da quanto hanno scritto su FB sembra andato tutto bene, e il 4 aprile è apparsa una foto dal Lago Balaton che merita di essere ricordata.

3. Su Cvlt Nation è apparsa una bella intervista a Jus Osborne, dalla quale si evince anzi tutto che il nuovo disco degli Electric Wizard è completato e registrato. Ci sono parecchie risposte interessanti, e soprattutto questa (alla domanda su quale sia il processo compositivo del gruppo): «Now its jam, jam, jam… really feeling out the songs and then torturing the shit out of them. It’s always been the same kinda riffs though… we never really evolved beyond thuggish, neanderthal-type riffs. I still wield the guitar as a weapon… volume is violence».

4. Ancora da FB, notizia di magnitudo 10: il nuovo album degli YOB è finito: «As of today, our new album is done» (3 aprile). Il giorno successivo, la notizia della masterizzazione, allo studio Audiosiege di Portland, con questa nota: «The master has dynamic range, punch, sounds natural and huge. No volume war, just tonal victory».

 

 

Continue Reading